LICENZIATO IL CEO DI MCDONALD’S

Pubblicato il 5 Novembre 2019

McDonald’s ha cacciato il CEO Steve Easterbrook, perché ha violato le regole della compagnia avendo una relazione consensuale con una dipendente. E questo nonostante l’azienda stia andando bene e abbia fatto notevoli progressi in termini di innovazione sotto la sua guida.

Easterbrook era diventato l’amministratore delegato nel 2015, avviando un piano aggressivo di modernizzazione.

Tra le altre cose, aveva ristrutturato i negozi per includere i menù digitali; cambiato l’offerta eliminando i panini più elaborati, riducendo i turni notturni, introducendo hamburger più grandi di carne fresca. Aveva resistito invece alla tendenza vegetariana, che ha convinto diversi concorrenti a puntare sulle proteine vegetali. Le sue scelte hanno pagato, visto che le vendite sono aumentate.

I risultati positivi però non sono bastati a proteggerlo, quando secondo il comunicato emesso dalla McDonald’s

ha esercitato un cattivo giudizio riguardo una recente relazione consensuale con una dipendente

senza aggiungere altri dettagli. Il presidente del consiglio di amministrazione ha annunciato la sua sostituzione.


Leggi anche

Current track

Title

Artist

Background